Facebook Twitter Instagram Pinterest Youtube Email

Pizza e minestra di nonna Antonietta

Pizza e minestra di nonna Antonietta

La "pizza e minestra" è un piatto che risale alla tradizione contadina della regione Molise. Per pizza si intende un impasto di acqua e farina di mais che nutrizionalmente andava a sostituire il pane. La lievitazione viene data dal bicarbonato.
Veniva cotta nel forno a legna.
La minestra è un insieme di verdure e brodo di carne di maiale.
È un piatto energeticamente molto ricco che rappresentava l'ideale per reintegrare tutte le energie impiegate nella lavorazione dei campi, soprattutto  quando le temperature  esterne erano piuttosto rigide.
Ad oggi "pizza e minestra" continua a rievocare ricordi di adolescenza in chi, quando la prepara, come si può notare dalle dosi, rivolge il pensiero a tutta la famiglia, mettendo ancora, in ciò che cucina, l'amore, la dedizione e la passione che l'accompagnano da oltre 80 anni.
Grazie nonna Antonietta. 


INGREDIENTI

  INFORMAZIONI

Per la minestra:

  • 1 kg di verza
  • 1 kg di rape
  • 1 kg di cotechino
  • 1 kg di pancetta
  • 3 L di acqua per il brodo di carne
  • 5 spicchi di aglio
  • 5 cucchiai di olio evo 
  • sale qb
  • peperoncino 

Per la pizza:

  • 1 kg di farina di granoturco
  • 1 L di acqua bollente
  • 1 cucchiaio di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di sale
  • 2 cucchiai di olio evo
    Difficoltà   MEDIA
     Persone   12
  Preparazione   30'
    Cottura   90'
    Calorie 
1077 Kcal per persona

PREPARAZIONE
Pulire la verza e le rape, lavarle e lessarle in acqua bollente per 3' dalla ripresa del bollore senza coprire la pentola col coperchio. Scolarle leggermente tenendo da parte la loro acqua di cottura e trasferirle in una pentola dove sono stati fatti dorare 5 spicchi d'aglio in 5 cucchiai d'olio.
Farle insaporire per circa 10' a coperchio chiuso, rimestando di tanto in tanto; se si asciugano troppo aqggiungere un pò dell' acqua di cottura tenuta da parte.
Intanto cotechini e pancetta a pezzi grossolani vengono fatti cuocere in 3 l di acqua bollente leggermente salata per 90' circa (testare la cottura che ovviamente dipenderà anche dalla grandezza dei pezzi di carne).
Quando la carne è cotta trasferire il suo brodo nella pentola delle verdure e far proseguire la cottura.
Nel mentre procedere alla preparazione della pizza.
Setacciare la farina in una ciotola capiente.
Aggiungere 1 cucchiaio di bicarbonato, 1 cucchiaio di sale, 2 cucchiai di olio.
Impastare mano a mano che si aggiunge 1 l di acqua bollente.
Regolare la quantità d'acqua in modo che l'impasto sia morbido ma compatto, nè duro, nè liquido. Il rapporto farina acqua è circa 1 a 1. 
Disporre il composto su carta forno in una teglia dandole una forma rotonda alta circa 4cm e fare dei fori con il dito sulla pizza.
Cuocere in forno statico (tradizionale) già caldo a 220°C per un'ora circa. 
La pizza deve risultare dorata.
A cottura ultimata sgretolare la pizza prima che si freddi e metterla nella pentola dove si sono fatte cuocere le verdure col brodo di carne.
Rimestare bene mano a mano che si aggiunge la pizza sbriciolata.
Se necessario, poichè la consistenza deve essere morbida, aggiungere al composto dell'altra acqua di cottura delle verdure.
A piacere aggiungere peperoncino, se di proprio gusto si sposa perfettamente con questa ricetta.

CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

 

Pin It
4.741935483871 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 4.74 (31 Voti)
Email Stampa

Le più viste

Ci trovi anche su...

trova ricetta
Ricette di cucina
mytasteita.com
Cucinare Meglio

Rossella

Rossella
Nata a Campobasso nell'estate del 1981 uno scaramantico venerdì 17, sono vissuta lì fino alla maturità scientifica.
Fino ad allora cucinavo prevalentemente quando ero a casa da sola, così che chi avesse voluto criticare avrebbe potuto farlo per lo meno solo a cose fatte.

Manuela

02chef02
I miei genitori mi hanno sempre ripetuto: "tu sei nata con le posate in mano"... Effettivamente, a 29 anni, posso confermarlo: la mia passione sono il cibo e la cucina !!! A confermarlo è il mio palato ma anche la mia imponente fisicità... E da buona e verace napoletana non poteva essere altrimenti.

Chi siamo

Come nasce un'amicizia da un rapporto di lavoro?
Dapprima condividendo l'esperienza professionale... poco dopo quella emozionale... la gioia, la rabbia, i sogni, le utopie, i traguardi....
Cosa c'entra un blog di cucina con tutto questo?
Rappresenta il filo che lega noi tra noi e le nostre passioni ai nostri piatti...e chi di voi può affermare di non mettere un pizzico di se stesso in ciò
che crea con le proprie mani ogni volta che miscelando ingredienti dà vita a qualcosa che delizia il palato?
Certe che condividere una propria ricetta è condividere un pò di se stesse abbiamo deciso di farlo tra sapore e sapere...

Iscriviti alla Newsletter

DISCLAIMER
le informazioni contenute in "in tutte le salse" hanno natura generale e sono pubblicate da farmaciste e biologhe nutrizioniste con uno scopo puramente divulgativo, non possono sostituire in alcun caso il parere di un medico.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno immediatamente cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi all’immagine o all’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Le immagini pubblicate su questo blog sono personali e sono protette dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche, pertanto è vietato l'uso senza il consenso dell'autore. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo
© 2015 In Tutte Le Salse. All Rights Reserved.